Servizio Prevenzione e Protezione


Direzione VI

Dirigente: Arch. Luciano Scacchi

Responsabile (RSPP): Arch. Anna Perluigi - Tel. +39.06.57332498 - Cell. Aziendale: 87214

Sede: Via Ostiense 143-155 - 00154 Roma - Tel. +39.06.57333712

E-mail: servizio.prevenzione.protezione@uniroma3.it

PEC (Posta Elettronica Certificata): ufficio.prevenzione.protezione@ateneo.uniroma3.it


Il Servizio Prevenzione e Protezione (SPP) dai rischi è definito come "l'insieme delle persone, sistemi e mezzi esterni o interni all'azienda finalizzati all'attività di prevenzione e protezione dai rischi professionali per i lavoratori". (D.Lgs. 81/08 e ss.mm.ii., art. 2)

Il Servizio di Prevenzione e Protezione è unico per l'Ateneo ed il Responsabile è nominato dal Rettore di concerto con i Responsabili delle UP (Unità Produttive) e previa consultazione dei RRLLSS (Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza).
Il Rettore, di concerto con i Responsabili delle UP, nomina altresì gli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione.
Il Servizio Prevenzione e Protezione, oltre ai compiti specificatamente attribuiti dalle norme vigenti, svolge attività di consulenza tecnica e normativa verso i Responsabili delle UP e i Preposti, nel merito della tutela della salute e sicurezza dei lavoratori negli ambienti di lavoro.

 


Compiti del Servizio Prevenzione e Protezione (D. Lgs.81/08 e ss.mm.ii. art.33)

1.Il Servizio Prevenzione e Protezione dai rischi professionali provvede:

  • all'individuazione dei fattori di rischio, alla valutazione dei rischi e all'individuazione delle misure per la sicurezza e la salubrità degli ambienti di lavoro, nel rispetto della normativa vigente sulla base della specifica conoscenza dell'organizzazione aziendale;
  • ad elaborare, per quanto di competenza, le misure preventive e protettive di cui all'articolo 28, comma 2, del D.Lgs. 81/08 e ss.mm.ii. e i sistemi di controllo di tali misure;
  • ad elaborare le procedure di sicurezza per le varie attività aziendali;
  • a proporre i programmi di informazione e formazione dei lavoratori;
  • a partecipare alle consultazioni in materia di tutela della salute e sicurezza sul lavoro, nonché alla riunione periodica di cui all'articolo 35 del D.Lgs. 81/08 e ss.mm.ii.;
  • a fornire ai lavoratori le informazioni di cui all'articolo 36 del D.Lgs. 81/08 e ss.mm.ii.

2. I componenti del Servizio Prevenzione e Protezione sono tenuti al segreto in ordine ai processi lavorativi di cui vengono a conoscenza nell'esercizio delle funzioni di cui al presente Decreto Legislativo.

3. Il Servizio Prevenzione e Protezione è utilizzato dal datore di lavoro.