Home > - Progetti/servizi realizzati e attivi > Obiettivo salute

Consigli di lettura

 

 

Un bambino è curioso. Fa molte domande e si aspetta risposte precise e convincenti. Non bariamo con le domande di un bambino. Mentre mi accompagnava a una protesta contro un disegno di legge sull'immigrazione, mia figlia mi ha chiesto del razzismo. Abbiamo parlato molto. I bambini sono in una posizione migliore di chiunque altro per capire che non nasciamo razzisti ma a volte lo diventiamo. Questo libro, che cerca di rispondere alle domande di mia figlia, è per i bambini che non hanno ancora pregiudizi e vogliono capire meglio la realtà. Per quanto riguarda gli adulti che lo leggeranno, spero che li aiuti a rispondere alle domande, più imbarazzanti di quanto pensano, dei propri figlie.

 

Lei è la Salute Mentale. Riservata e silenziosa. Giovanni Rossi ha frequentato per molti anni le sue sorelle: Sofferenza e Quasisalute. Ora, anche con il loro aiuto, prova a spiegare cosa sia la Salute Mentale. Il libro è strutturato come un ricettario per il lettore ed ecco quindi che l'autore, come uno chef, ci propone il suo menu: gli antipasti ci aiutano a riconoscere le false piste che spesso percorriamo alla ricerca della Salute Mentale, senza tuttavia trovarla. La specialità della casa prova a dare una definizione alla Salute Mentale, a fornirne il suo profilo. In cucina con me è la parte che l'autore dedica ad alcune delle persone che l'hanno aiutato in questa ricerca: da Franco Basaglia a coloro che hanno affrontato in prima persona il problema della sofferenza mentale. Infine gli assaggi, approfondimenti di storie, attualità e situazioni che con la Salute Mentale hanno a che fare molto più di quanto possa sembrare ad un primo sguardo. Questo libro ci accompagna in un percorso che porta al centro l'essere umano e le sue fragilità, con una chiave di lettura della Salute Mentale accessibile a tutti. Perché la Salute Mentale è un diritto di tutti.

 

Ex detenuti ed ex internati negli Ospedali psichiatrici giudiziari raccontano le proprie storie. La narrazione come strumento terapeutico.

 

 

 

 

 

 

https://images-na.ssl-images-amazon.com/images/I/51uxuC4uANL._SX323_BO1,204,203,200_.jpg è un romanzo che narra quella che, secondo l'autrice, è "paradossalmente una storia d'amore". Con l'artificio che la sclerosi multipla diventa voce narrante, trasformandosi in un personaggio, con una caratterizzazione vera e propria: dissacrante, politicamente scorretta, ironica, irascibile. Ma l'autrice non si identifica con la sclerosi: è anche altro, è soprattutto altro. E tira fuori un romanzo universale, che dà coraggio a chi soffre di qualsiasi malattia, che può essere un'occasione di crescita interiore per chiunque.E in copertina il dipinto "Chop Suey" di Edward Hopper: due donne, di cui una di spalle, che conversano, mangiano, si confrontano.

 

Per le colleghe e i colleghi curiosi di conoscere l'abbicci delle terapie del futuro, vi segnaliamo questo interessante libro scritto a quattro mani da Valentina Fossati - biotecnologa esperta di cellule staminali - e Angela Simone - giornalista scientifica.

 

Perché mia figlia non mangia più?

Un’indagine approfondita sull’anoressia, ma è soprattutto un invito perché le fanciulle e le loro famiglie si concentrino su quanto di meraviglioso continua a esistere sull’identità di ogni ragazza.

 

 

Sendino muorePablo d’Ors l’ha conosciuta in ospedale. Prima era dottoressa, poi malata. Pablo d’Ors è cappellano ospedaliero che si occupa di accompagnare i malati terminali. África Sendino è un medico.

E Sendino scrive, annota su un diario pensieri e minute su sé e la sua vita mangiata dal cancro. Vuole farne un libro. Ma quando si accorge che non l’avrebbe mai visto, quel libro, chiede a Pablo di prendersene carico.

 

 

 

 

  • Con uno stile di vita sano, inteso anche come prevenzione, si riduce la probabilità di ammalarsi. Oggi circa il 60% delle persone ammalate di tumore guarisce; in particolare la mortalità per tumore al seno è diminuita di circa il 30%, grazie alla prevenzione e alle cure.

 

 

  • Nei siti dell'AIRC e della Fondazione "Insieme contro il cancro" si possono trovare degli approfondimenti per la prevenzione del tumore al seno e al colon.