pagina stampabile

n. 3/2010 - Si chiamerà futura

n. 3/2010 Il numero 3/2010 di Roma Tre News è dedicato al futuro che immaginiamo, che desideriamo, che a volte temiamo e che, forse sin troppo spesso, ci affanniamo a pronosticare. L'immagine che vi proponiamo in copertina viene dallo spazio: la Terra vista dalla Luna. Si chiamerà Futura è il titolo che abbiamo preso in prestito da una canzone e che vuole essere un auspicio per il tempo che verrà.
«Il futuro è adesso»
è l'editoriale del direttore Anna Lisa Tota.

Fra Pangloss e Orwell, fra utopia e ossessione: in apertura l'analisi di Paolo Leon.
Annunziata Nobile sulle sfide demografiche che ci attendono, destinate a ridisegnare le mappe del popolamento del pianeta.
Francesco Cellini sugli spazi universitari nelle città: dal campus, alla città universitaria, al modello diffuso e integrato di Roma Tre.
Se gli ingranaggi del progresso si arrugginiscono. Paolo Jedlowski sulla capacità di nutrire aspirazioni: Il tempo è cambiato.
Energia e acqua: Il futuro che vogliamo tutelare, di Giancarlo Cremonesi.
Di astrologi, oracoli e cartomanti: perché nell'era del trionfo della scienza continuiamo a leggere gli oroscopi. «E se domani», di Michela Monferrini.
Rethinking Utopia
. Le città del futuro, fra immaginazione e quotidianità, di Victor Vakhshtayn.
Dalle telecomunicazioni, all'idraulica, alle applicazioni mediche: Irene D'Intino ha intervistato quattro ingegneri sul futuro del raggio laser.
The age of stupid
ovvero cosa ne sarà della Terra nel 2055 se non ci fermeremo in tempo. Giacomo Caracciolo ne ha parlato con il geologo Anastassios Kotsakis e il biologo Marco Alberto Bologna.
E ancora Giacomo Caracciolo sull'oro blu: i conflitti moderni per il dominio sui principali corsi d'acqua del pianeta.
Michela Monferrini sulla letteratura che immagina il futuro: Cronache (o odissee) da altri mondi abitabili.
La lingua "cortese" del Giappone che pensa in chiave collettiva: Ritratto del futuro?, di Edoardo Lombardi Valluri.
Marshall McLuhan e il mondo di domani
, a cento anni dalla nascita dello studioso canadese, di Gianpiero Gamaleri.

Fuori sezione. Una scelta di brani tratti dai discorsi di quattro fra gli ospiti più illustri di Roma Tre negli ultimi anni, Giovanni Paolo II, Shirin Ebadi, Tommaso Padoa Schioppa e il Dalai Lama.
E, sparsi fra le pagine, i pensieri, le parole, i versi che vi proponiamo come metaforica colonna sonora per la lettura di questo numero.

Abbiamo incontrato per voi.
Umberto Croppi. I tagli alla cultura, il rapporto fra finanziamenti pubblici e privati e Roma come una "Culture Valley", di Federica Martellini.
A rythm to carry the feet
. La "poesia visuale" della ballerina e coreografa Carolyn Carlson, di Valentina Cavalletti.
Lia Luchetti ha intervistato Mario Morcellini. I media al futuro, innovazione culturale e abilitazione sociale.
Futuro e fantascienza: un binomio ancora in voga?
Valentina Cavalletti lo ha chiesto a Carlo Freccero.
Monique Veaute. Fra Roma e Venezia: storia, innovazione e avanguardia artistica, «Per fortuna è una notte di luna». L'intervista è di Alessandra Ciarletti.
Low secret
ovvero il far west delle informazioni in rete. Federica Martellini ha intervistato l'esperto di sicurezza informatica Emanuele Gentili.
Alessandro Baricco: il futuro è dei selvaggi di genio. Un tempo nuovo, di Alessandra Ciarletti.

Per la sezione reportage. Alla ricerca della simbiosi fra scienza e umanesimo. Dall'Italia all'India: l'esperienza interdisciplinare della Cortona's week, di Pier Luigi Luisi.
Fabiana Iannilli dal Giappone, in equilibrio fra futuro e tradizione.
Dal Messico: un reportage/intervista con Emanuele De Vincenti. I popoli indigeni e il cambiamento climatico: I diritti della Madre Terra.

Le nostre rubriche.
Popscene di Ugo Attisani ci propone in questo numero una riflessione su internet e la musica. Da Napster a Myspace, una storia d'amore dagli esiti imprevedibili.
Ultim'ora da Laziodisu sulla Laziodisu card.
In Non tutti sanno che... vi segnaliamo Celtic forever, il libro di Massimiliano Troiani e Luca Manes sulla storia del celebre club di Glasgow.

Le recensioni di questo numero.
Sillabario della memoria
. Irene D'intino sul libro di Federico Roncoroni, in un viaggio linguistico e sentimentale attraverso le parole che non sono più.
Francesca Gisotti ha intervistato Antonio Di Trapani e Marco De Angelis, registi di Tarda estate il film coprodotto dal Dipartimento comunicazione e spettacolo di Roma Tre, che è stato presentato alla 67° Mostra del cinema di Venezia. Quando il cinema italiano parla giapponese.
Fabrizio Attisani ha visto per noi Inception di Christopher Nolan. L'architettura dei sogni.
Se la fotografia cattura l'immagine del futuro. Futurperspectives, in mostra al MACRO, di Sarah Proietti.
V per Vendetta
: una visione del futuro senza compromessi, di Francesco Martellini.
Fabio Bego ha recensito Le sfide di Israele l'ultimo lavoro di David Meghnagi: «Chi vive in un'isola deve farsi amico il mare».

Infine, in terza di copertina, vi proponiamo una esilarante rassegna di profezie del passato: quelli che sul futuro si erano sbagliati...

A tutti, come sempre, buona lettura!

responsabile informazioni: Ufficio Orientamento 2/3/2015