pagina stampabile

Fritjof Capra. La scienza universale

la scienza universale Fritjof Capra, La scienza universale. Arte e natura nel genio di Leonardo, Milano, Rizzoli, 2007

Abbiamo bisogno urgente di una scienza che ci riconnetta alla Terra vivente. Questo è precisamente il tipo di pensiero e di scienza che Leonardo da Vinci precorse e delineò cinquecento anni fa, al culmine del Rinascimento e all'alba della moderna età della scienza.

Nelle sue opere precedenti, da Il Tao della fisica a La scienza della vita, Fritjof Capra ha tracciato un quadro della scienza contemporanea mettendo in luce come, dalla fisica delle particelle alla biologia, alla concezione meccanicistica e riduzionista ormai in crisi si stia progressivamente sostituendo una visione che tende a studiare i fenomeni non come entità isolate ma all'interno del sistema che li abbraccia. Ora, con La scienza universale, egli si propone di mostrare come alle origini della scienza ci sia una figura che, a differenza di quelle di Galileo, di Bacone e di Newton, ha saputo anticipare questi tratti che stanno oggi emergendo con sempre più forza: Leonardo da Vinci. Basandosi su un'analisi delle seimila pagine di manoscritti di Leonardo giunti fino a noi, Capra presenta un resoconto del metodo scientifico del grande genio del Rinascimento e dei risultati da lui ottenuti, valutandoli nella prospettiva del pensiero scientifico odierno. L'immagine che ne emerge è quella di un pensatore sistemico, di un ecologista e di un teorico della complessità, di uno scienziato - l'autentico inventore del moderno metodo sperimentale - che era però al contempo anche un artista con un profondo rispetto per la vita in ogni sua espressione. Nelle sue idee possiamo scorgere un'anticipazione dell'ipotesi di Gaia, una teoria scientifica attuale secondo cui la Terra è un sistema vivente che si autoorganizza e si autoregola. All'alba del XXI secolo, nel momento in cui i limiti della scienza newtoniana stanno diventando fin troppo evidenti e le conseguenze di una visione che riduce «la bellezza della vita a una serie di componenti meccaniche e dà valore agli alberi solo per la legna che se ne può ricavare» minacciano di distruggere il nostro pianeta, possiamo iniziare ad apprezzare tutta la forza del modello di scienza sviluppato da Leonardo nel Rinascimento, e la grande rilevanza che esso ha per la nostra epoca. (www.rizzoli.rcslibri.it)

responsabile informazioni: Ufficio Orientamento 21/4/2010