pagina stampabile

Francesca Brezzi. Quando il futurismo è donna

quando il futurismo è donna Francesca Brezzi, Quando il futurismo è donna. Barbara dei colori, Milano, Mimesis, 2009

Come spiegare l'adesione di tante donne a una corrente pittorica come il Futurismo, così misogino, aggressivo, talvolta volgare nei confronti della femminilità? In questo saggio si vuole definire dapprima lo sfondo teorico del Futurismo, cioè l'elaborazione concettuale sul "femminile" che si espresse in quegli anni e in quel movimento. Da un lato, l'adesione al Futurismo rappresentò per molte artiste una sfida e un atto convinto di distruzione e smantellamento di consolidati stereotipi femminili, dall'altro - questa è l'ipotesi - tali gesti eversivi e antipassatisti non furono elaborati dalle donne, ma ricevuti passivamente, e ciò determinerà le equivocità, spesso le posizioni conciliative ed appiattite all'ideologia maschilista.
Nella seconda parte si affronta una figura particolare di donna e di artista, Barbara, nata come futurista e poi approdata a esiti molto diversi, come il movimento pacifista e il femminismo, in empatica vicinanza con i testi di Luce Irigaray.
Prismatica esistenza quella di Barbara, in cui si intrecciano arte e vita. La sua identità di donna è conquistata solo dopo aver percorso un labirinto, il labirinto di Barbara. (dalla quarta di copertina).

Leggi l'intervista di Maria Vittoria Marraffa a Francesca Brezzi sul n. 2/2009, pp.28-30

 

Lo trovi in biblioteca a Roma Tre sba

 

 

responsabile informazioni: Ufficio Orientamento 2/3/2015