pagina stampabile

n. 1/2016 - Chi cambierą il mondo?

1-2016 - Chi cambierą il mondo?Chi cambierą il mondo? č il nuovo numero di Roma Tre News dedicato all'infanzia.
Per un'infanzia senza confini
č l'editoriale del direttore Anna Lisa Tota, che introduce uno dei focus principali del numero: l'infanzia migrante.

Vi proponiamo contributi di pedagogisti, sociologi e architetti, parliamo di spazi e tempi per la crescita e l'educazione, di lettura e letteratura, di musica e ninne nanne, di cinema e di didattica del cinema.

Per la sezione incontri, abbiamo intervistato Paolo Naso su Mediterranean Hope, un importante progetto pilota di corridoi umanitari da Libano, Etiopia e Marocco, promosso da Chiese valdesi e Comunitą di Sant'Egidio e Anna Pollio, coautrice e coprotagonista, con la sua famiglia, del documentario Unlearnig, un invito gentile alla disobbedienza.

Si rinnova, come di consueto, l'appuntamento con il mind map di Bia Simonassi e con le nostre rubriche Audiocronache e Palladium, sulle attivitą e i progetti della radio e del teatro di Ateneo.

Ringraziamo Monica Spezia per la foto di copertina, la Cineteca di Bologna per il reportage fotografico sulle attivitą del suo Dipartimento educativo, Schermi e Lavagne e Francesco Piobbichi (progetto Mediterranean Hope /FCEI) per la gentile concessione di alcuni lavori della serie Disegni dalla Frontiera.

Vi presentiamo di seguito il sommario completo e vi auguriamo buona lettura e buona estate!

downoload


-------------------------------------

Editoriale
Per un'infanzia senza confini

Anna Lisa Tota

Primo piano
Infanzia in gioco

Il fondamentale ruolo del gioco nello sviluppo dei bambini
Lucia Chiappetta Cajola

Il bambino adulto e l'adulto bambino
Il post narcisismo dei tempi moderni: il travalicamento dei confini
Marina D'Amato

«Sono ancora un bambino»
Viaggio e approdo dei minori-migranti-soli nel Mediterraneo
Carmelina Chiara Canta

C'era una volta...
Un progetto per i bambini immigrati e le loro famiglie
Anna Aluffi Pentini

Cooperare per includere
Promuovere la cooperazione tra i bambini
Susanna Pallini, Paola Perucchini, Giovanni Maria Vecchio

La relazione con le famiglie
I servizi educativi 0-3 anni come primo luogo di mediazione interculturale
Maura Di Giacinto

Nuovi approdi a Lampedusa
Promuovere l'inclusione crescendo piccoli lettori
Elena Zizioli

Libro delle mie brame
La lettura come imprescindibile strumento di educazione
Lorenzo Cantatore

Una svolta nella storia dell'educazione
Quando i fanciulli frenastenici uscirono dalle strutture manicomiali
Fabio Bocci

Children with disabilities improvising together
Collective musical identities in Japan
Trever Hagen

Un emblematico silenzio
La scoperta dell'infanzia nella ricerca storiografica
Francesca Borruso

Disegnare luoghi per crescere
Il progetto dei servizi per l'infanzia come laboratorio tra pedagogia e architettura
Giovanni Fumagalli

Asili
Gli edifici per l'educazione dell'infanzia come presidi per un'architettura responsabile
Roberta Lucente

Asili nido nel XXI secolo
Per costruire il futuro delle donne e degli uomini che verranno
Paola Gallo

Lunga vita alle ninne nanne
Sogni d'oro (tra ninnoli, nenie e neuroni)
Giovanni Guanti

«Il piccino dell'eroe»
La scoperta del fanciullo nella letteratura greca
Adele Teresa Cozzoli

I bambini ci guardano
L'infanzia nel cinema del secondo dopoguerra
Stefania Parigi

Percorsi di crescita fuori e dentro lo schermo
Idee e riflessioni per una didattica del cinema
Francesca Gisotti

Incontri
Paolo Naso
. Corridoi umanitari: la buona strada
Federica Martellini

Anna Pollio. Unlearning, un invito gentile alla disobbedienza
Alessandra Ciarletti

Rubriche
Audiocronache

Il mondo visto da Roma Tre Radio
Sabrina Fasanella

Palladium
Quante volte per finta sanguinerą Cesare. La Roma di Shakespeare al Teatro Palladium
Alessandra De Luca

Gli uomini mangiano i pesci. Intervista ad Anna Vinci
Barbara Bartoli

Recensioni
Keywan Karimi

Libertą negata, sentenza iraniana, sostegno internazionale
Costanza Saccarelli

Boyhood
Il cammino silenzioso del tempo nel viaggio di un bambino verso l'etą adulta
Giulia Pietralunga Cosentino