IL POLO DIDATTICO DEL MUSEO "ARDITO DESIO"

Il progetto del Museo che si è andato via via concretizzando e sviluppando rende oggi disponibile per la didattica delle Scienze un programma di lezioni, seminari e attività di laboratorio finalizzati alla conoscenza della Geologia, della Planetologia e dell'Astronomia. Gli specifici contributi sono mirati all'incremento della pratica esperienziale, particolarmente importante per discipline scientifiche quali la Geologia e l'Astronomia, che trovano nell'osservazione diretta il mezzo prioritario per l'acquisizione della conoscenza della Terra e dell'Universo.

Questa esigenza è particolarmente sentita nell'ambito dei territori urbani, nei quali, a causa di un' estesa cementificazione e del crescente inquinamento luminoso, si è resa sostanzialmente nulla la possibilità di osservare "la terra che è sotto di noi e il cielo che è sopra di noi". Questa impossibilità o riduzione del campo esperienziale sta producendo la percezione di un pianeta nel quale i concetti di tempo, di spazio, di ambiente sono riconducibili a un esclusivo ambito antropico. La conseguenza è che problemi a scala globale, come le variazioni climatiche, il consumo energetico o la conservazione delle risorse idriche, analogamente al manifestarsi di quelle che vengono chiamate catastrofi naturali, sono percepiti come eventi inaspettati, improvvisi, alieni dalle strategie di sviluppo realizzate finora dalle società umane.
L'Astronomia, la Geologia e la Paleontologia mostrano peculiari affinità che consentono di realizzare programmi interdisciplinari con elevata efficacia didattica. La luce delle stelle e delle remote galassie, gli strati rocciosi che recano impressi i cicli geologici che modellano il pianeta e la storia della biosfera, sono i "fossili" che raccontano sia l'evoluzione dell'Universo, sia la storia del pianeta e della sua biosfera. Il tempo "profondo" caratterizza l'ambiente che ci circonda, "sopra e sotto" di noi, e la percezione e l'esplorazione di questa quarta dimensione sono alla base della conoscenza scientifica, ma anche dell'acquisizione di sensibilità per i temi della sostenibilità dello sviluppo e della conservazione ambientale.

 


Il complesso museale di Rocca di Cave comprende:
-una serie di sale per la presentazione di fossili e rocce che, con l'aiuto di plastici, diorami e pannelli, "raccontano" la storia geologica del Lazio;
-sentieri geopaleontologici sugli affioramenti della scogliera fossile del periodo Cretacico;
-un osservatorio astronomico e un planetario didattico;
-un sismografo per il monitoraggio dei terremoti, con la registrazione in continuo della sismicità regionale e la presentazione su schermo, in tempo reale, dei dati acquisiti;
-una stazione per la registrazione in continuo dei dati meteorologici locali.
Per offrire un contributo efficace alla didattica delle Scienze, sono stati elaborati contenuti e metodologie di trasmissione nel campo geologico e astronomico attraverso l'attività di un progetto pluriennale, coordinato dal Dipartimento di Scienze Geologiche dell'Università degli studi Roma Tre con il polo didattico museale di Rocca di Cave. I risultati di tale progetto, affinati da successive esperienze, sono alla base delle visite geo-paleontologiche e delle serate di osservazioni astronomiche dirette e con strumenti, aperte a tutti, ma particolarmente rivolte alle scuole.

 

ORARI & INFORMAZIONI

Il Museo è aperto al pubblico il sabato e la domenica con i seguenti orari: 10.00 - 13.00 e 16.00 - 19.00; costo: 2,50 euro.
Attività possibili su prenotazione: Visita al museo; Laboratorio; Percorso esterno; Serata astronomica (o Planetario didattico, sostitutivo per cause meteorologiche o su richiesta); durata: 150'-180'; costo: 4-5 euro (a seconda delle attività).

Scuole e gruppi: martedì e venerdì su prenotazione (per classi e gruppi superiori alle 20 unità), il sabato nell'ambito degli eventi programmati di visita al sentiero geopaleontologico e delle serate osservative (vedi il calendario). Per le scuole, le attività si svolgono durante l'intero periodo scolastico; per i gruppi, anche nei mesi estivi. Per le scuole è previsto, su richiesta, un intervento in classe propedeutico alla visita.

ATTIVITA' PER LE SCUOLE

Uno sguardo dall'alto della Rocca alla regione Lazio, orientarsi con il Sole e le stelle, imparare a riconoscere i tipi di rocce e fare una vera e propria "caccia al tesoro" dei fossili lungo il sentiero esterno: questo ed altro nelle nostre proposte! Viene inoltre fornito del materiale didattico (pieghevoli, rivista "Quaderni del Museo") utile sia durante la visita, sia per eventuali lavori successivi.

rudista

SCUOLE PRIMARIE (8-10 anni) - Alla scoperta delle rocce e dei fossili; durata: 3 ore.
Obiettivi didattici: l'osservazione del territorio della regione, l'orientamento geografico, il riconoscimento delle rocce e dei fossili lungo il sentiero geopaleontologico

SCUOLE MEDIE - La storia del Lazio raccontata dalle rocce e dai fossili; durata: 3 ore;
Obiettivi didattici: l'osservazione del territorio della regione, l'orientamento geografico, il riconoscimento delle rocce e dei fossili lungo il sentiero geopaleontologico, conoscenza delle fasi dell'evoluzione dell'Appennino.

SCUOLE MEDIE SUPERIORI:
- Sulle sponde di un altro mare: l'evoluzione geologica dell'Appennino centrale; durata: 3 ore;
Obiettivi didattici: l'osservazione del territorio della regione, il riconoscimento delle rocce e dei fossili lungo il sentiero geopaleontologico, conoscenza delle principali fasi dell'evoluzione e strutturazione della catena Appenninica, la nascita del mare Tirreno e dei vulcani laziali.

- Modulo didattico "esploriamo il cielo"; durata: 150'-180'.
Laboratorio: Serata astronomica (o Planetario didattico, sostitutivo per cause meteorologiche o su richiesta);
Attività previste: Visita al museo; Seminario; Osservazione astronomica; Planetario (opzionale);
Obiettivi didattici: favorire l'acquisizione della conoscenze di base dell'Astronomia.

Per prenotare una visita o per maggiori informazioni, scrivi a museo.roccadicave@uniroma3.it o hipparcos.cds@tiscali.it