salta al contenuto della pagina

Universitą degli Studi Roma Tre IWSD Sito Web Sinkhole

Siete in: home > Sinkholes > Fenomeni

Prone area: Piana di Cotilia - Peschiera

INQUADRAMENTO DELL'AREA:
La piana di S. Vittorino è situata circa 20 Km a E dalla città di Rieti ed è delimitata a N dalle pendici dei  Monti di Paterno (gruppo del Terminillo ) e a S dalla dorsale del M. Nuria (catena del Velino) estendendosi per una superficie complessiva di circa 7 Km² con quote comprese fra i 402 e i 418 m s.l.m.
Nel corso del tempo l’assetto della piana ha subito diverse modifiche antropiche. Tra le più evidenti è sicuramente la modifica di cui è stato oggetto il Fiume Velino che originariamente si snodava ai piedi del M.Nuria. Questo infatti, a partire dal 1839, fu allontanato dai piedi del Nuria e costretto ad attraversare la piana entro un alveo artificiale, pensile e rettilineo posto in mezzo alla piana stessa con decorrenza EW. L’origine di tale modifica va sicuramente ricercata nel tentativo di porre rimedio ai frequenti fenomeni di alluvionamento che la piana subiva nel passato.
Altrettanto evidenti sono le modifiche a cui è stato sottoposto il tracciato della linea ferroviaria Terni-Sulmona. Anch’essa originariamente correva alle pendici dei rilievi posti a meridione della Piana ma è poi stata progressivamente spostata verso il settore centrale nel tentativo di sottrarla ai frequenti fenomeni di sporofondamento catastrofico che l’hanno interessata. Tali spostamenti non si sono però rivelati risolutivi osservando che la linea è stata successivamente spostata e modificata sensibilmente nel suo tracciato fino alla metà del XX secolo. Meno profonde le modifiche del tracciato della SS:4 Salaria, non perchè essa non sia stata interessata dai sinkhole quanto perchè la sua collocazione sulle pendici carbonatiche dei rilievi settentrionali, fondata quindi direttamente sul substrato carbonatico anziché sui depositi di colmamento della Piana stessa, ha evitato che essa fosse interessata dai fenomeni più macroscopici, permettendo quindi di procedere con minimi aggiustamenti e rifacimenti locali.

GEOLOGIA:
L’area oggetto di studio è localizzata, da un punto di vista geologico, nel settore di incontro fra i paleodomini di piattaforma carbonatica laziale-abruzzese e quelli in facies sia di transizione umbro-sabina, che, in parte, quelli appartenenti al dominio pelagico umbro-marchigiano, attribuibili all’intervallo temporale che si estende dal Trias al Miocene superiore
I depositi di colmamento della Piana stessa sono riferiti al Pleistocene superiore-Olocene mentre nella porzione occidentale del settore si rileva presenza di terreni pliocenico-quaternari in facies fluvio-lacustre appartenenti al bacino di Rieti (Cavinato G.P. 1989).
Il settore risulta essere particolarmente complesso, da un punto di vista tettonico, in ragione della presenza di un importante lineamento strutturale, noto come Linea Ancona-Anzio Auct., che ha svolto un ruolo di primo piano sia nella fase di rift, e quindi nella identificazione dei paleodomini, che, attraverso successive riattivazioni con cinematiche diverse, nelle fasi di costruzione di questo settore di orogene appenninico (Cavinato G.P. 1989; Parotto M. 1975; Salvini F. 1982).

IDROGEOLOGIA  E GEOCHIMICA:
Dal punto di vista idrogeologico, La Piana di S. Vittorino risulta essere la zona di recapito della circolazione idrica sotterranea circolante nei rilievi ad essa  circostanti ed in particolare costituisce il livello di base del sistema idrogeologico Giano-Nuria-Velino (Boni C. 1995).
Ai piedi del M. Nuria, infatti, nel settore meridionale della piana, si localizzano le sorgenti del Peschiera che, con una portata di circa di circa 18 m³/s, costituiscono la più grande emergenza  dell’Italia centrale (Boni et alii 1995).
Le sorgenti presenti nella parte meridionale dell’area hanno condizioni e geometrie di emergenza tipiche di un fronte diffuso con punti sorgivi localizzati e si dispongono lungo il contatto dell’acquifero carbonatico con i terreni a bassa permeabilità che riempiono la piana.
Tuttavia, da alcuni studi effettuati sia dalla A.C.E.A. che da enti locali e di ricerca, è stato evidenziato che non tutta l’acqua di falda emerge ai piedi del M. Nuria, ma che una certa aliquota viene drenata verso nord attraverso i depositi della piana stessa, andando così ad alimentare le sorgenti poste ai margini settentrionali dell’area (Boni C. 1995).
Nel settore della Piana di S.Vittorino le sorgenti non sono soltanto localizzate ai piedi dei versanti o in loro corrispondenza ma numerosi affioramenti della superficie piezometrica sono presenti anche nei settori più centrali. Questo fatto rende conto sia della presenza di una falda superficiale con soggiacenza estremamente ridotta, come testimoniato anche dalla misura freatimetrica effettuata in un pozzo nei pressi della chiesa di S. Vittorino, dove la profondità della tavola d’acqua è posta a soli 90 cm dal piano di campagna, sia della esistenza di una interazione tra circuito superficiale e circuito profondo, come testimoniato dalle caratterisitiche fisico chimiche delle acque presenti in alcuni sinkhole. In quest’ultimo caso le acque sotterranee mostrano a luoghi marcate caratteristIche chimico-fisiche che le differenziano dalle acque più superficiali, ma al contempo, anche la presenza di emissioni gassose più o meno manifeste.
Le acque che sorgono nell’area in studio mostrano particolari caratteristiche idrochimiche (Boni C. 1988; Boni C. 1995; Ciotoli G. 2001), in particolare sono state riconosciute facies di tipo bicarbonato-calciche e bicarbonato-solfato-calciche, oltre alla presenza di sorgenti aventi carattere prevalentemente ferrugginoso.
Le prime si localizzano soprattutto nel settore meridionale della piana e corrispondono sostanzialmente alle sorgenti del Peschiera, mentre le seconde si rinvengono nei settori settentrionale e orientale dell’area e corrispondono rispettivamente alle sorgenti di Cotilia e di S.Erasmo.
Entrambe le sorgenti in facies bicarbonato-solfato-calciche si localizzano in corrispondenza di sinkholes all’interno dei quali si assiste ad una costante risalita di gas accompagnata da un tipico odore di acqua sulfurea. La presenza di queste sorgenti mineralizzate fredde (12-17 °C) mette in evidenza l’interazione, in questo settore, della falda  superficiale con la risalita di fluidi profondi costituiti in primo luogo da CO2 e secondariamente da quantitativi anomali di Rn, H2S, He, B, NH3 (Ciotoli G. 2001)
In particolare sono stati osservati da Ciotoli et alii (Ciotoli G. 2001), per quanto riguarda l’elio, degli andamenti anisotropi delle anomalie lungo direttrici E-W nel margine settentrionale della piana in accordo con l’ipotesi, in questo settore, di un controllo strutturale orientato proprio in tale direzione; mentre, al centro della piana, è stata individuata un’orientazione N-S di concentrazioni anomale di elio che trova una discreta corrispondenza con il lineamento Micciani (Faccenna C. 1993), a conferma, essendo l’elio di origine profonda, della natura regionale di tale elemento strutturale.
Dall’elaborazione dei dati di conducibilità delle acque si osserva una distribuzione dei valori di alta conducibilità secondo trend ad orientazione E-W, NE-SW e NW-SE, in accordo con i lineamenti strutturali discussi in precedenza e con le orientazioni attribuite alle anomalie dell’elio di cui si è parlato in precedenza.
In particolare si osserva come la direttrice NE-SW, lungo la quale si impostano i valori elevati di conducibilità delle acque, trovi corrispondenza con l’orientazione di un elemento strutturale che borda il settore di Paterno nella zona più orientale e che verso occidente poi sembra indirizzarsi verso il centro della piana.
Il trend NW-SE invece sembra allinearsi con una certa evidenza con la Faglia Micciani, lungo la quale si concentrano diversi fenomeni di sprofondamento catastrofico.
Ne emerge quindi  un quadro che sembra confermare ulteriormente la stretta correlazione fra l’assetto strutturale dell’area, la risorgenza di acque mineralizzate e l’ubicazione dei fenomeni di sprofondamento catastrofico con un loro innesco favorito dalla coesistenza di molteplici fattori.

Elenco fenomeni

Totale:42
ToponimoProvinciaComuneLocalitą
Casa Mannetti Rieti CASTEL SANT'ANGELO RI Sorgenti del Peschiera
Casa Mannetti 1 Rieti CASTEL SANT'ANGELO RI Vasche
Casa Mannetti 2 Rieti CASTEL SANT'ANGELO RI Vasche
Casa Mannetti 3 Rieti CASTEL SANT'ANGELO RI Vasche
Casa Mannetti 4 Rieti CASTEL SANT'ANGELO RI Vasche
Cattera Costa 1 Rieti CASTEL SANT'ANGELO RI Sorgenti del Peschiera
Cattera Costa 2 Rieti CASTEL SANT'ANGELO RI Sorgenti del Peschiera
Cattera Costa 3 Rieti CASTEL SANT'ANGELO RI Sorgenti del Peschiera
Cattera Costa 4 Rieti CASTEL SANT'ANGELO RI Sorgenti del Peschiera
Cattera Costa 5 Rieti CASTEL SANT'ANGELO RI Sorgenti del Peschiera
Costa di S. Erasmo Rieti CASTEL SANT'ANGELO RI Sorgenti del Peschiera
Costa S. Erasmo 1 Rieti CASTEL SANT'ANGELO RI Sorgenti del Peschiera
Cotilia 1 Rieti CASTEL SANT'ANGELO RI Cotilia
Cotilia 2 Rieti CASTEL SANT'ANGELO RI Cotilia
Cotilia 3 Rieti CITTADUCALE RI Cotilia
Isolotto Rieti CITTADUCALE RI Sorgenti del Peschiera
Laghetti Uffici ovest Rieti CASTEL SANT'ANGELO RI Cotilia
Laghetto fanghi Rieti CASTEL SANT'ANGELO RI Cotilia
Lago di Burino Rieti CASTEL SANT'ANGELO RI Vasche
Lago di Mezzo Rieti CASTEL SANT'ANGELO RI Vasche
Lago di Paterno Rieti CASTEL SANT'ANGELO RI Vasche
Lago di Tornariccio Rieti CITTADUCALE RI Cotilia
Lago Grande Rieti CASTEL SANT'ANGELO RI Cotilia
Lago Piccolo Rieti CASTEL SANT'ANGELO RI Cotilia
Lago Tornariccio bis Rieti CITTADUCALE RI Cotilia
Le fonti Rieti CASTEL SANT'ANGELO RI Cotilia
Le fonti Rieti CASTEL SANT'ANGELO RI Cotilia
Nuovo laghetto-Pozzo di breccia-Lago rotondo Rieti CASTEL SANT'ANGELO RI Cotilia
Paterno Rieti CASTEL SANT'ANGELO RI Paterno
Pergine Rieti CITTADUCALE RI Cotilia
Peschiera ramo principale Rieti CITTADUCALE RI Sorgenti del Peschiera
Peschiera Ramo Sud Rieti CITTADUCALE RI Sorgenti del Peschiera
Pozzo del Casello FS-Lago Micciani(?) Rieti CITTADUCALE RI Cotilia
Pozzo Gustavo Rieti CASTEL SANT'ANGELO RI Cotilia
Rio Nuso (1) Rieti CASTEL SANT'ANGELO RI Sorgenti del Peschiera
Rio Nuso (2) Rieti CASTEL SANT'ANGELO RI Sorgenti del Peschiera
Rio Nuso (3) Rieti CASTEL SANT'ANGELO RI Sorgenti del Peschiera
S. Erasmo Rieti CASTEL SANT'ANGELO RI Vasche
S.Vittorino Rieti CITTADUCALE RI Cotilia
Sorgenti del Peschiera Rieti CASTEL SANT'ANGELO RI Cotilia
Vasche 1 Rieti CASTEL SANT'ANGELO RI Vasche
Vasche 2 Rieti CASTEL SANT'ANGELO RI Vasche

data ultima modifica: 31 Agosto 2011