DA GENNAIO 2013 CI TROVATE QUI

Lazio e-Citizen

Il progetto

Sample ImageLTA ha lavorato al progetto Lazio e-Citizen nel periodo luglio 2006 – febbraio 2007. Il progetto nasce come contestualizzazione regionale del programma europeo E-Citizen ed è promosso dalla Regione Lazio - Assessorato all'Istruzione, Diritto allo Studio e Formazione, dal Ministero della Pubblica Istruzione - Direzione Generale per i Sistemi Informativi ed Ufficio Scolastico Regionale Lazio, da Filas, AICA, ENEA e patrocinato dal CNIPA.
Obiettivo dell’iniziativa è quello di combattere il fenomeno del digital divide attraverso iniziative formative distribuite capillarmente su tutto il territorio e realizzate con la collaborazione di scuole, Università e Centri Territoriali Permanenti.
Il presupposto di partenza è che la non familiarità con le nuove tecnologie comporti, sul più vasto piano sociale, l’esclusione da una parte significativa delle attività che garantiscono l’esercizio di una cittadinanza attiva. Con questo si intende affermare che il processo di modernizzazione tecnologica dell’impianto societario attuale non potrà dirsi completo  fino a quando tutti i cittadini non saranno in grado di usufruire in maniera autonoma e funzionale delle opportunità offerte da tali innovazioni.

Leggi tutto...

 

Il ruolo di LTA

In base alle osservazioni condotte e all’esperienza della prima edizione è stato prodotto il documento “Metodologia didattica per Lazio e-Citizen” (autori: Daniele Giovannelli, Silvia Innocenzi, Ilaria Margapoti, David Sepahi Hassanabadi, Valentina Tacconi; revisione e introduzione del prof. Roberto Maragliano) finalizzato ad illustrare fasi e caratteristiche del progetto dal punto di vista più propriamente didattico. Esso costituisce in particolar modo una guida per la scelta e la formazione delle figure coinvolte nell’insegnamento e per l’approccio e la strategia formativa da prediligere in conformità al particolare pubblico di studenti, da intendersi tutti adulti.

Leggi tutto...

 

I contenuti della formazione

L’approccio privilegiato è di tipo eminentemente pratico: non basta sapere, ma bisogna saper fare. Quindi tutte le lezioni si svolgono in maniera fortemente improntata alla pratica e alla sperimentazione diretta delle situazioni da parte dei corsisti. Partendo da questo presupposto, il Syllabus degli argomenti da affrontare durante le ore di formazione del progetto è stato rielaborato in base al numero di lezioni a disposizione.

Leggi tutto...

 

Il facilitatore come figura chiave

I facilitatori devono essere in rapporto di 5 per ogni 12 partecipanti, preferibilmente giovani under 30, studenti universitari o neolaureati. Al facilitatore spetta il compito di sviluppare nei singoli soggetti capacità di apprendimento autonomo, quali ad esempio: accettare il feedback sulle proprie performance in modo non difensivo; diagnosticare i propri bisogni di apprendimento; formulare obiettivi di apprendimento congruenti alle proprie possibilità e aspirazioni; identificare risorse umane, materiali ed esperienziali adeguate al raggiungimento dei vari livelli di apprendimento; elaborare un progetto personale.

Leggi tutto...

 

I risultati

Dati rilevati e diffusi da Filas.
L'8 Giugno 2007 a Roma, in un convegno organizzato da Filas (Finanziaria Laziale per lo sviluppo), sono stati presentati e discussi i risultati dei primi sei mesi di attività del progetto Lazio e-Citizen.

Leggi tutto...

 
Collane e-book

5 cose su

studio digitale

Cerca nel sito