LTAonline - Universita Roma Tre http://ltaonline.uniroma3.it/ Wed, 04 Dec 2013 17:29:39 GMT FeedCreator 1.8.0-dev (info@mypapit.net) Il pirata e l'editore http://ltaonline.uniroma3.it/immersioni/681-il-pirata-e-leditore.html
di Andrea Patassini

Immaginate di acquistare su un qualche negozio online l'eBook che desiderate, procedete nel percorso di acquisto ed eccolo, poco dopo, sul vostro reader pronto per essere letto. Vi mettete comodi sul divano e iniziate a gustarvi l'eBook. Dopo poche pagine individuate un errore tipografico, un accento sbagliato, storcete un po' il naso, ma in fin dei conti vi rendete conto che un errore può capitare. Insomma, siete realisti e comprensivi, ma soprattutto il desiderio di leggere quel libro continua ad avere la meglio su un piccolo e comprensibile errore. Poi però notate che quell'errore si ripete un'altra volta, ecco infatti un altro accento errato.

Leggi tutto...

]]>
andrea@andrea.it (Andrea Patassini) Tue, 20 Nov 2012 15:22:29 GMT http://ltaonline.uniroma3.it/immersioni/681-il-pirata-e-leditore.html
Titoli al portatore http://ltaonline.uniroma3.it/notizie/679-titoli-al-portatore.html image001image002

di Roberto Maragliano

Traduttore/traditore. Va be', è un luogo comune. Cui aggiungerei il fatto che, molto spesso, il traditore lo fa per interesse. E questo complica le cose. Fatto sta che buona parte dei volumi di matrice americana su cui studio e faccio studiare i miei studenti, occupandomi e occupandoli di questioni relative ai rapporti fra media e formazione, bene: quei volumi recano, nelle edizioni italiane, dei titoli traditori, e, quel ch'è più grave, fuorvianti. Perché lo fanno è legittimo che uno se lo chieda. Io me lo chiedo e mi do due risposte. 
La seconda articolata con gli esempi e i ragionamenti che verrano qui di seguito. 
La prima concentrata nell'accostamento delle due copertine riprodotte in testa a questo mio intervento, che appartengono allo stesso volume, versione americana e versione italiana; chi mai lo sospetterebbe?

 

Leggi tutto...

]]>
maraglia@uniroma3.it (Roberto Maragliano) Tue, 23 Oct 2012 19:50:03 GMT http://ltaonline.uniroma3.it/notizie/679-titoli-al-portatore.html
Pedagogia della morte http://ltaonline.uniroma3.it/pedagogia-della-morte.html Pedagogia della morte
PEDAGOGIA DELLA MORTE

Autore: Roberto Maragliano

Editore: Doppiozero
Anno: 2012
Formato: ebook, ePub protetto con Social DRM
Prezzo: 3,60€
Download: Amazon

La pedagogia più importante è quella che affronta le cose che non si possono insegnare.  Che non sipossono: perché ci sono divieti, ostacoli, resistenze, anche interiori; insegnare: perché la loro esperienza è talmente intima e personale che si tende a crederla indicibile, incomunicabile, oscena. Eppure qualcosa si può fare, qualcosa passa; e soprattutto qualcosa si può imparare: a esprimerlo e a condividerlo.

La morte è il primo di questi argomenti tabù. Oggi che la società ha rimosso il problema, rinunciando a qualsiasi tentativo di elaborarlo, una pedagogia della morte è urgente e indispensabile. Roberto Maragliano in questo libro ha il coraggio e la lucidità non solo di sollevare la questione, ma di analizzarne i principali presupposti e poi di proporre una via originale, il cinema, per addomesticarsi e addomesticare alla morte. Già dalla scuola. Ma una scuola che sarebbe utile potessero frequentare anche gli adulti. Utile a loro, prima di tutto.

 

]]>
mario.pireddu@gmail.com (Mario Pireddu) Mon, 17 Sep 2012 15:48:29 GMT http://ltaonline.uniroma3.it/pedagogia-della-morte.html
Cosa e come pensano americani e italiani http://ltaonline.uniroma3.it/immersioni/677-cosa-e-come-pensano-americani-e-italiani.html

di Roberto Maragliano

Confesso, non ne sapevo nulla, fino a che non me ne ha parlato l’interessato. E sì che mi occupo di queste cose, ma evidentemente o mi sono distratto o comincio a subire l’effetto dell’overlapping di info rumorose, e non riesco più a percepire quelle sussurrate, che poi rischiano di essere le più interessanti. 
Parto dunque dal chiamare in causa l’interessato, nome e cognome.  

Leggi tutto...

]]>
maraglia@uniroma3.it (Roberto Maragliano) Wed, 12 Sep 2012 15:38:41 GMT http://ltaonline.uniroma3.it/immersioni/677-cosa-e-come-pensano-americani-e-italiani.html
Chi vuole la scuola digitale e come http://ltaonline.uniroma3.it/notizie/676-chi-vuole-la-scuola-digitale-e-come.html Riceviamo da Silvano Tagliagambe, direttore scientifico del progetto "Scuola digitale" della Regione Sardegna, il seguente importante documento su un tema di scottante attualità.
Lo pubblichiamo integralmente condividendolo in pieno e chiediamo a tutti quanti sono interessati al tema, nella scuola e fuori, a diffonderlo in ogni forma.
(Roberto Maragliano)

----------------

La posta in gioco sul progetto Scuola digitale

 

Sono costretto a cercare di riassumere qui il significato del mutamento di rotta che si sta cercando di imporre al progetto Scuola digitale in Sardegna in quanto, pur essendo il direttore scientifico del progetto, mi è stata negata la possibilità di farlo in occasione dell’incontro con la delegazione del MIUR, avvenuto il 16 e 17 luglio e concluso dalla visita del ministro Profumo, e degli eventi pubblici connessi.

Leggi tutto...

]]>
maraglia@uniroma3.it (Roberto Maragliano) Sat, 04 Aug 2012 15:58:37 GMT http://ltaonline.uniroma3.it/notizie/676-chi-vuole-la-scuola-digitale-e-come.html
Libro, apprendimento e reti sociali http://ltaonline.uniroma3.it/studiodigitale/675-libro-apprendimento-reti-sociali.html libro_app_reti_sociali_240


LIBRO, APPRENDIMENTO E RETI SOCIALI

Autore: Silvia Innocenzi

Editore: Garamond
Anno: 2012
ISBN: 9788896819364 [ePub, 6 MB]
ISBN: 9788896819371 [Mobi, 8,1 MB]
 Prezzo: € 5,00

Il libro può essere letto in formato EPUB su qualsiasi dispositivo di lettura e online sulla piattaforma di social reading Bookliners.

 

Apprendere e leggere appaiono attività immutabili ed il nesso che le lega sembra indubita-bile ed esclusivo. Eppure un evidente mutamento sta investendo sia l’uno che l’altro polo della relazione, nonché la relazione stessa. Una riflessione su questa trasformazione spin-ge ad interrogarci su come vanno riconfigurandosi le relazioni fra libro, apprendimento ed esperienza umana all’interno delle reti digitali. Senza cadere nella tentazione di dare rispo-ste univoche a temi complessi ed evitando di indulgere al rimpianto di ciò che i cambia-menti ci farebbero perdere, questo volume dà conto di come la rete stia ridefinendo im-magine e realtà sia dell’apprendimento sia del libro. Lo sguardo saggistico è qui associato ad un’originale attenzione per la molteplicità delle rappresentazioni narrative dei temi in gioco.

 


leggi online Leggi gratuitamente un estratto del libro 
acquista [acquista libro Mobi su Amazon] amazon
acquista [acquista libro EPUB + online] acquista sul sito Garamond
acquista [acquista libro online + EPUB]  acquista su Bookliners 

 

 

Leggi tutto...

]]>
mario.pireddu@gmail.com (Mario Pireddu) Sun, 01 Jul 2012 22:53:27 GMT http://ltaonline.uniroma3.it/studiodigitale/675-libro-apprendimento-reti-sociali.html
"Storia e pedagogia nei media", il booktrailer http://ltaonline.uniroma3.it/notizie/674-qstoria-e-pedagogia-nei-mediaq-il-booktrailer.html {youtube}FV02UrLA0FQ|518|330|true{/youtube}

Vi presentiamo il booktrailer dedicato all'eBook Storia e pedagogia nei media di Roberto Maragliano e Mario Pireddu, edito da Garamond. Il video è stato realizzato interamente da noi, registrando in diretta le illustrazioni che accompagnano l'introduzione al libro. Per saperne di più sull'eBook e sulla collana "Studio digitale" qui trovate tutto quello che vi serve. Buona visione (e buona lettura).]]>
andrea@andrea.it (Andrea Patassini) Tue, 15 May 2012 11:52:18 GMT http://ltaonline.uniroma3.it/notizie/674-qstoria-e-pedagogia-nei-mediaq-il-booktrailer.html
Che significa studiare in digitale http://ltaonline.uniroma3.it/notizie/673-che-significa-studiare-in-digitale.html di Roberto Maragliano

Storia e pedagogia nei media è un ebook destinato allo studio universitario e all'aggiornamento professionale. Ha visto la luce a metà marzo 2012 e da allora viaggia in due versioni, epub e AZW Kindle. Chi se lo vuole procurare trova qui tutte le indicazioni utili. In tutte e due le versioni è inibita la stampa. Perché? Da dove nasce questa cattiveria? Dall'interesse, davvero pedagogico (se credete alla parola e se ci credete sulla parola), di far provare che cosa di diverso la lettura in digitale ha rispetto alla lettura su carta. Non solo quello che le manca, ma anche e soprattutto quel che ha in più, ciò che sarebbe impossibile anche soltanto pensare in relazione alla lettura cartacea. E questo quid in più non è solo un fatto economico, che comunque non sarebbe cosa giusta sottovalutare: per esempio, la riduzione del prezzo (il nostro ebook ti costa 5 euro, se fosse su carta dovrebbe essere quattro volte tante), la facilità di procurarselo (ce l'hai un minuto dopo l'acquisto in rete, e comunque in tutte le due versioni, prima di decidere puoi averne un saggio da consultare con calma), la portabilità (te lo carichi sul computer, sul tablet, sullo smartphone, sul reader).

Leggi tutto...

]]>
andrea@andrea.it (Andrea Patassini) Thu, 10 May 2012 11:20:33 GMT http://ltaonline.uniroma3.it/notizie/673-che-significa-studiare-in-digitale.html
Guardare le figure http://ltaonline.uniroma3.it/immersioni/671-guardare-le-figure.html di Andrea Patassini

Quando ero piccolo mi immergevo nei libri illustrati che popolavano, qua e là, la stanza dove giocavo. Non ci giro intorno, ad attrarmi erano le immagini, quei disegni che non solo accompagnavano il testo, ma che assumevano una loro indipendenza e importanza nel contesto del libro. Per dirla tutta, ero interessato esclusivamente a quei disegni. Mi piaceva sfogliare i cartonati della Disney, dove erano illustrate le scene salienti dei cartoni animati che più amavo. Sfogliarle era come rivivere il film. Del testo non è che mi importasse poi tanto. In quegli anni, a casa, ancora non c'era il videoregistratore, quindi i libri illustrati erano un'ottima soluzione per rivivere più e più volte le storie animate. Le videocassette arrivarono qualche anno dopo. Non sfogliavo solamente libri targati Disney, avevo altri libri illustrati di diverso genere e, ovviamente, non mancavano i fumetti, o meglio, non mancava Topolino. Lì il testo era accettato. Era contenuto nei baloon, aveva un ruolo importante, ma non essenziale. Prima che imparassi a leggere mi piacevano comunque quei disegni ordinati con una certa logica, nonostante non capissi le parole racchiuse nelle nuvolette riuscivo a dare un senso a quello che guardavo. Insomma, guardavo le figure.

Leggi tutto...

]]>
andrea@andrea.it (Andrea Patassini) Mon, 19 Mar 2012 09:57:12 GMT http://ltaonline.uniroma3.it/immersioni/671-guardare-le-figure.html
Storia e pedagogia nei media http://ltaonline.uniroma3.it/studiodigitale/670-storia-pedagogia-media.html Storia e pedagogia nei media


STORIA E PEDAGOGIA NEI MEDIA

Autori: Roberto Maragliano e Mario Pireddu

Editore: Garamond
Anno: 2012
ISBN: 9788896819302 [ePub, 255kb]
ISBN: 9788896819319 [Mobi, 512kb]
Pagine: 120
Prezzo: € 5,00

Il libro può essere letto in formato EPUB su qualsiasi dispositivo di lettura e online sulla piattaforma di social reading Bookliners.

{youtube}FV02UrLA0FQ|518|330|true{/youtube}

guarda il booktrailer su YouTube guarda il booktrailer su YouTube

In ogni mezzo che utilizziamo per comunicare ed educare c'è una storia e c’è anche una pedagogia. Il versante della storia ci dice come quel mezzo è nato, l'identità che è andato conquistandosi e quanto c'è di attuale in tutto ciò. Quello della pedagogia ci mostra la forma che l’uso di quel mezzo dà all’esperienza e alla conoscenza. Così è stato ed è per i mezzi della parola parlata e di quella scritta, per la stampa, per i massmedia dell'audiovisione, per le prospettive messe in campo dal digitale e dalla rete. Questo volume, un po' manuale un po' saggio, ricostruisce le grandi cornici mentali e sociali entro le quali si colloca l'azione delle tecnologie, di tutte le tecnologie: da quelle interiorizzate da secoli a quelle che siamo oggi impegnati a interiorizzare.

leggi online Leggi gratuitamente un estratto del libro 
acquista [acquista libro Mobi su Amazon] amazon

acquista [acquista libro online + EPUB]  acquista su Bookliners 

 

Leggi tutto...

]]>
mario.pireddu@gmail.com (Mario Pireddu) Wed, 07 Mar 2012 22:14:29 GMT http://ltaonline.uniroma3.it/studiodigitale/670-storia-pedagogia-media.html
DALLEPICARUSO http://ltaonline.uniroma3.it/immersioni/664-dallepicaruso.html  

1993. Un gruppo di pionieri di questo Laboratorio progetta e realizza un'ipotesi folle, come tante che sono passate tra di noi.
Folle per la materia e folle per il modo.

Pensate allo stato delle tecnologie allora, a quanto era difficile reperire materiale video, trattarlo, montarlo, mixarlo, soprattutto se, come era il nostro caso, non si disponeva di apparecchiature professionali.

Pensate allo stato dei software di animazione, titolazione, ecc.

Bene. Il risultato è quello che vedete.

Una cosa folle, che accosta Lucio Dalla a Omero e che a Lucio Dalla, quando gliela mostrammo a Bologna, l'anno successivo, piacque molto.

Saremmo felici se potesse piacere un po' anche a voi.

Sta qui

]]>
maraglia@uniroma3.it (Roberto Maragliano) Thu, 01 Mar 2012 23:54:27 GMT http://ltaonline.uniroma3.it/immersioni/664-dallepicaruso.html
Il libro domani? http://ltaonline.uniroma3.it/immersioni/662-il-libro-domani.html

di Silvia Innocenzi

Saluti dall'inviata, che si appresta al resoconto del dibattito di lunedì 6 Febbraio. Titolo: "Il libro domani, in Italia e nel mondo". In realtà lo sguardo è rimasto molto provinciale, di mondo si è parlato ben poco nonostante la presenza del "signor Amazon.it". Comunque, principio dal principio.

La bella notizia è che del dibattito non ho perso una parola, sarà durato al massimo un paio d'ore. La brutta notizia è che effettivamente la fine la conoscevamo già, ma direi anche l'inizio e la parte centrale. Insomma il succo del dibattito si riduce a cosa spicciola, quindi mi dilungo in resoconto libero. Segue dibattito!

Leggi tutto...

]]>
andrea@andrea.it (Andrea Patassini) Mon, 27 Feb 2012 08:24:34 GMT http://ltaonline.uniroma3.it/immersioni/662-il-libro-domani.html
ebook - cosa, perché, come http://ltaonline.uniroma3.it/studiodigitale/672-ebook.html ebook [image by Wikimedia Commons]
Che cos’è un ebook?

Un ebook è un libro in formato digitale, è un file dunque, come può essere file un film o una canzone. Esistono vari formati e vari lettori disponibili (sia hardware sia software), per l’ebook. 

La collana STUDIODIGITALE propone testi esclusivamente in versione ebook. 

Perché un ebook?
Gli ebook si trovano in rete a distanza di un link e si possono avere in pochi secondi.
Gli ebook non pesano.
Gli ebook non vanno fuori produzione (esistono infinite ‘copie’).
Gli ebook comportano limitate spese di produzione e distribuzione.
Gli ebook, quando gli editori sono coraggiosi e onesti, costano molto molto meno dei libri cartacei.
Gli ebook consentono di fare cose che sarebbero impossibili con i libri cartacei:
- accedere sempre e in ogni luogo (anche via Internet) ai propri libri
- consultare le statistiche delle proprie letture e quelle pubbliche degli altri lettori
- inserire evidenze, commenti e annotazioni ad un testo di lettura
- esportare il proprio repertorio di evidenze, commenti e annotazioni in un unico file
- sincronizzare evidenze, commenti e annotazioni man mano che si legge un testo su diversi dispositivi (pc, o più pc, tablet, smartphone)
- condividere evidenze, commenti e annotazioni con altri lettori in appositi ambienti di social reading
- sperimentare forme innovative di didattica centrate su attività condivise di lettura e commento di testi.

La collana STUDIODIGITALE sperimenta soluzioni innovative di didattica:
- come leggere e studiare un testo in formato digitale
- come condividere con altri la lettura del testo
- come interagire con il testo tramite le proprie osservazioni e i propri commenti
- come accrescere il testo aggiungendovi a margine link e riferimenti al web
- come documentare i propri dubbi e le proprie acquisizioni sul testo
- come interloquire con docente e autore a partire dal testo

Come si legge un ebook?
Un ebook può essere letto in tantissimi modi: con il proprio pc (attraverso software gratuiti); con il proprio tablet o smartphone; con dispositivi di lettura dedicati (e-reader).

Oltre alla lettura su pc mediante appositi software (come per esempio l’estensione “ePub Reader” per il browser Firefox, il Sony Reader, o ancora Adobe Digital Editions), se si desidera un lettore specifico si può scegliere tra i tanti lettori di ebook in commercio (una lista è disponibile qui), tra cui quelli dedicati prevalentemente alla lettura di libri digitali (ebook reader) e quelli “multifunzione” che consentono tra le altre attività di leggere libri digitali (tablet, smartphone, etc.).

Tra gli ebook reader più diffusi c’è Kindle di Amazon. Il software con cui funziona è scaricabile gratuitamente (da qui) e lo si può installare su pc, tablet, smartphone. Presenta un unico difetto: non legge, almeno per ora, il formato ePub (ma esistono modi per convertire i file nel formato più utile, come per esempio con il software Calibre).

La Sony produce un ereader molto completo (Sony Reader Wi-Fi, anche conosciuto come PRS-T1), capace di leggere tutti i formati compreso naturalmente l’ePub (con l’esclusione del formato proprietario Kindle di Amazon, ma anche qui vale il discorso sulla conversione tra formati). La Sony offre anche un ottimo software gratuito per la lettura di ebook, disponibile a questo indirizzo.

L'iPad della Apple legge ebook (per esempio tramite l'app iBooks) ma essendo un tablet (dispositivo “multifunzione” non dedicato esclusivamente alla lettura) non ha lo schermo a inchiostro elettronico e la lettura prolungata può risultare faticosa e stancante per gli occhi.

Anche con l’iPhone della Apple (così come con altri smartphone, cioè cellulari dotati di connessione Internet) si possono leggere ebook: certo, anche qui in una condizione che non è delle migliori, ma alla quale si può ricorrere nei casi di necessità, e sapendo poi che le procedure automatiche di sincronizzazione consentono di riportare le proprie tracce di lettura su altri dispositivi. La collana STUDIODIGITALE permette tutte queste forme di lettura.

Che formati utilizza l’ebook?
Attualmente i più affermati sono:

- l'ePub, il più funzionale e diffuso: si adatta automaticamente a tutti gli schermi e opera come standard aperto e libero

- il Mobi:  è il formato proprietario utilizzato da Amazon per gli ebook distribuiti sulla sua piattaforma per un uso tramite Kindle (inteso sia come ebook reader sia come software che gira su pc, tablet e smartphone).


Diversi nuovi fronti si aprono, man mano che si diffonde l’accesso “normale” e costante a Internet. Tra questi, gli ambienti e i formati per la lettura sociale. La collana STUDIODIGITALE propone, per la lettura offline, testi nei due formati ePub e Mobi. La collana STUDIODIGITALE sperimenta la lettura sociale online. 

Che cosa è la lettura sociale?
I testi della collana STUDIODIGITALE sono disponibili per la lettura sociale sulla piattaforma Bookliners. Bookliners è un social network dedicato ai libri: permette di leggere e annotare testi online, condividere lettura e annotazioni con altri, partecipare a gruppi di lettura esistenti o crearne di propri. Lettura sociale significa condivisione di pratiche di lettura e annotazione, in gruppi dedicati o con il più ampio pubblico di lettori di un libro.

]]>
mario.pireddu@gmail.com (Mario Pireddu) Fri, 27 Jan 2012 14:40:55 GMT http://ltaonline.uniroma3.it/studiodigitale/672-ebook.html
Fare rete http://ltaonline.uniroma3.it/immersioni/661-fare-rete.html

Questo primo semestre ci vede impegnati come laboratorio in diverse attività didattiche. Tra queste il corso di Comunicazione di rete per il corso di laurea in Scienze della Comunicazione. Nello spazio on line dedicato al corso ci confrontiamo con una certa dose di scoraggiamento nei confronti della rete, alcuni degli interventi proposti dagli studenti tendono ad evidenziare le criticità del web prima di cogliere e approfondire le opportunità. Siamo dell'idea che un ambiente mediatico meriti di essere prima di tutto scoperto, approfondito, praticato proprio per far sì che l'impianto critico sia solido e non pregiudiziale. Così vale anche per la comunicazione. Qui sotto trovate un nostro intervento, pubblicato oggi, che intende ancora ribadire tutto ciò, o quantomeno provarci.

Leggi tutto...

]]>
andrea@andrea.it (Andrea Patassini) Thu, 24 Nov 2011 15:44:20 GMT http://ltaonline.uniroma3.it/immersioni/661-fare-rete.html
E la didattica? http://ltaonline.uniroma3.it/immersioni/660-e-la-didattica.html





   Nuova editoria e vecchia università

   di Roberto Maragliano

 

 

 

 

In questi giorni di fine novembre 2011 esce una collanina (nemmeno tanto ina) per conto di Apogeo dedicata all'editoria digitale. Ovviamente sono testi in esclusivo formato ebook (e non versioni digitali di testi cartacei).
Ovviamente, anche se per alcuni, che pure di questo argomento scrivono pubblicano pontificano da ogni possibile cattedra universitaria e/o massmediale (ammesso che ci sia differenza), questo non è ovvio.
Bene, la collanina esce con 8 dico otto ebook, ognuno dedicato ad una diversa specifica faccia del tema: modi di produzione, modi di diffusione, modi d'uso, ecc.
Finalmente, con questi discorsi, si entra nel merito. E nel migliore dei modi, consentendo al lettore non solo di avere indee chiare ma anche di fare esperienza diretta di quel che è presentato e discusso nei testi. Finalmente si esce dalla logica dei dibattiti televisivi sui pericoli della tv.

Leggi tutto...

]]>
maraglia@uniroma3.it (Roberto Maragliano) Thu, 24 Nov 2011 13:24:08 GMT http://ltaonline.uniroma3.it/immersioni/660-e-la-didattica.html
Collocare il sapere scolastico http://ltaonline.uniroma3.it/come-erriamo/659-collocare-il-sapere-scolastico.html Autore: Roberto Maragliano
Data: novembre 2011
Download: scarica l'articolo

[issuu width=420 height=162 backgroundColor=%23222222 documentId=111123155119-ef4faadef24641ae9fdf2bdee86beed2 name=maragliano_-_istruzione_come_bene_comune username=educarecomunicare tag=conoscenza unit=px id=6da0a04b-f274-c434-b88c-1e8711ecff8e v=2]

Testo contenuto nel volume ASTRID "Istruzione bene comune. Idee per la scuola di domani" (a cura di Vittorio Campione e Franco Bassanini), Passigli Editori, Bagno a Ripoli (Firenze), 2011.

Abstract:
Per far fronte al cambiamento occorre ridefinire la mappa dei saperi scolastici, ma prima ancora stabilire le coordinate di questa mappa. Il tema, paradossalmente, è più all'ordine del giorno fuori che dentro la scuola, e si riflette in discussioni in atto sui giornali.

 

]]>
mario.pireddu@gmail.com (Mario Pireddu) Wed, 23 Nov 2011 16:03:35 GMT http://ltaonline.uniroma3.it/come-erriamo/659-collocare-il-sapere-scolastico.html
Immobile scuola http://ltaonline.uniroma3.it/immobile-scuola.html immobile scuola copertina


IMMOBILE SCUOLA
Alcune osservazioni per una discussione

Autore: Roberto Maragliano

Editore: CastelloVolante
Anno: 2011
Formato:  ebook, ePub protetto con Social DRM
Prezzo: gratuito
Download: bookrepublic.it

 

L'uomo del nuovo millennio è profondamente diverso da quello di primo Novecento. A dividerli, tra le tante cose, c’è il cinema, la radio, il telefono, la televisione, prima ancora del digitale e di Internet. Eppure alle spalle hanno lo stesso modello di scuola! I “nuovi media”, in realtà, non sono poi così nuovi, hanno almeno un trentennio. Il mondo accademico e della scuola, però, ha rifiutato il ben più complesso approccio multimediale e si è arroccato nella difesa di un modello chiuso che stride con quello che sta avvenendo ed è avvenuto nella società. La cultura non può più coincidere solo con la parola scritta e la stampa. Perché la rivoluzione del digitale e di Internet non ha coinvolto la scuola se non marginalmente? È ancora possibile trattare i saperi contemporanei che sono multimediali, complessi e aperti con rigidi schemi manualistici? Che cosa possono fare i singoli insegnanti in questo scenario ingessato da ragioni politiche ed economiche che li sovrastano? Queste sono le domande che l'autore si pone in un inedito pamphlet che ha come obiettivo non solo l'individuazione delle risposte, ma soprattutto quello di generare una discussione aperta alle soluzioni da parte di tutti.

]]>
ilaria.margapoti@uniroma3.it (Administrator) Thu, 17 Nov 2011 11:46:30 GMT http://ltaonline.uniroma3.it/immobile-scuola.html
Promozione bookliners http://ltaonline.uniroma3.it/notizie/650-promo-bookliners.html promozione bookliners.com

]]>
ilaria.margapoti@gmail.com (Ilaria Margapoti) Wed, 14 Sep 2011 21:35:28 GMT http://ltaonline.uniroma3.it/notizie/650-promo-bookliners.html
Immagini e immaginario dell'11 settembre http://ltaonline.uniroma3.it/immersioni/656-immagini-e-immaginario-dell11-settembre.html In questi giorni di commemorazioni a dieci anni dall'attentato alle Twin Towers più e più volte mi sono ritrovato ad ascoltare e a raccontare i ricordi personali di quel giorno. Cosa si stava facendo. Con chi si era. Le sensazioni provate quando, in diretta televisiva, il secondo aereo si schiantò nella torre rilasciando un'enorme bolla di fuoco. Tutti siamo rimasti segnati da quelle immagini. E tutti tendiamo a condividere con gli altri quegli attimi vissuti tra stupore, incredulità ed angoscia. Ogni racconto, poi, si concentra inevitabilmente sulle immagini. Sono le immagini dell'attentato a concentrare i nostri ricordi, sono loro ad organizzare quei momenti. Non a caso ogni racconto raggiunge l'apice nel momento in cui si descrive ciò che venne visto in quegli attimi, davanti ad uno schermo. 

Leggi tutto...

]]>
andrea@andrea.it (Andrea Patassini) Sat, 10 Sep 2011 15:02:26 GMT http://ltaonline.uniroma3.it/immersioni/656-immagini-e-immaginario-dell11-settembre.html
Facebook per insegnanti, e-learning per genitori? http://ltaonline.uniroma3.it/immersioni/655-facebook-per-insegnanti-e-learning-per-genitori.html Genitori e insegnanti sono la stessa cosa? No, ma gli uni e gli altri condividono la responsabilità educativa nei confronti dei più giovani, figli o alunni che siano. È questo il motivo che rende molto interessante il dibattito stimolato da due testi appena usciti, entrambi in versione digitale: Facebook per genitori di Giovanni Boccia Artieri (3.99€, editore 40k) e Adottare l’e-learning a scuola di Roberto Maragliano (3€, Garamond, commentabile dai lettori al suo interno su piattaforma Bookliners).

boccia_artieri-facebook-per-genitori maragliano-adottare-elearning-a-scuola

Entrambi i libri, in maniera discorsiva e decisamente informale, propongono riflessioni che aiutano a superare gli allarmismi e le banalizzazioni degli slogan giornalistici di cui purtroppo si nutre anche troppa accademia.

Leggi tutto...

]]>
mario.pireddu@gmail.com (Mario Pireddu) Mon, 20 Jun 2011 21:35:27 GMT http://ltaonline.uniroma3.it/immersioni/655-facebook-per-insegnanti-e-learning-per-genitori.html