stampa salva
Economia del Lavoro (N.O.)

Obiettivi della disciplina:
Il corso si propone un duplice scopo: da un lato, approfondire la macro e la microeconomia del mercato del lavoro; dall'altro, analizzare la recente evoluzione delle dinamiche e delle caratteristiche strutturali del mercato del lavoro. Sotto il profilo macro si incontrano principalmente i problemi della determinazione del livello di occupazione e della sua composizione, della disoccupazione e della relazione con il tasso di inflazione; sotto il profilo micro, i problemi relativi all'utilizzazione del fattore-lavoro da parte delle imprese, in particolare quelli della retribuzione, del costo del lavoro, della formazione del capitale umano e della dinamica di assunzioni e di licenziamenti.
Con riferimento ai recenti fenomeni evolutivi del mercato del lavoro, il corso si propone sia di analizzarne gli aspetti quantitativi e qualitativi, sia di individuarne le implicazioni per la politica economica e per le scelte degli agenti economici.


Programma del corso

Il corso si divide in due parti.

La prima è di natura teorico – analitica; in essa vengono trattati i seguenti argomenti:
- funzioni di domanda e di offerta di lavoro;
- il modello classico dell'occupazione e dell'inflazione;
- il modello dell'occupazione in Keynes;
- curva di Phillips, modello di Friedman e tasso naturale di disoccupazione e teoria “job search”;
- la nuova economia Keynesiana (salari di efficienza, contratti impliciti, modello insiders-outsiders);
- tasso di disoccupazione di equilibrio (NAIRU).

La seconda parte, di carattere prevalentemente empirico, consiste nell'esame dell'evoluzione delle caratteristiche quantitative e strutturali dell'occupazione, della disoccupazione, della domanda e dell'offerta di lavoro, nonché delle politiche per l'espansione dell'occupazione. Rientrano tra i temi affrontati: tassi generici e specifici di disoccupazione, di occupazione, di attività; terziarizzazione e deindustrializzazione, disoccupazione meridionale, giovanile, femminile, orario di lavoro, costo del lavoro, contrattazione salariale, flessibilità, ammortizzatori sociali, produttività e competitività; lavoro sommerso o irregolare; lavoro interinale; lavoro a tempo determinato e a tempo indeterminato: lavoro indipendente e lavoro autonomo; nuova imprenditorialità; nuove professioni e nuova organizzazione del lavoro; formazione professionale; politiche nazionali per lo sviluppo dell'occupazione; politiche Europee per l’occupazione; nuove tipologie di rapporti lavorativi.

Modalità di esame:

Per i frequentanti: esame scritto in forma "ridotta" più la tesina empirica (che può essere svolta anche in gruppi di 2 studenti) ed è presentata in classe in forma seminariale.
Per i non frequentati esame scritto (in forma normale) e tesina facoltativa e individuale (che viene presentata all'orale dopo la prova scritta).
La compilazione di una tesina empirica da parte degli studenti (facoltativa per i non frequentanti) verte su uno dei temi tracciati nella seconda parte del corso (vedi programma sopra). Per la compilazione delle tesine il docente indicherà dei riferimenti bibliografici specifici, a secondo della tesina scelta dallo studente.


Docenti: Pasquale Tridico (docente titolare)

Crediti: 9

Numero moduli: 2

Testi

Per la prima parte:
Macroeconomia : occupazione, inflazione, tasso di cambio e contrattazione salariale / Wendy Carlin, David Soskice. Bologna: CLUEB Editore, 1992. Solo i capitoli: 1,2,3,4,6.
Teorie della disoccupazione involontaria / a cura di Marina Murat e Sergio Paba. Bologna: il Mulino, 1992. (Solo il capitolo avente ad oggetto i salari di efficienza)

Per la seconda parte:
La disoccupazione: modelli, diagnosi e strategie per il mercato del lavoro in Italia / Eliana Baici, Manuela Samek Lodovici. Carocci Editore, 2001.

Inoltre, per questa seconda parte, durante il corso saranno distribuite delle dispense che saranno anche disponibili sulla pagina web del docente, e saranno suggerite altre specifiche indicazioni bibliografiche.

torna su stampa salva