Università degli Studi RomaTreScuola di Economia
 
  Area Riservata    
nomeutente password  

accesso rapido

Accade oggi nella Scuola

Portale dello Studente

English version  

Fondamenti di economia politica (n.o.)

lauree triennali

Il corso si svolge nel II semestre (dal 26/2/2018 al 26/5/2018)

Docenti: Paolo Trabucchi (docente titolare), Antonella Palumbo (docente titolare)

Crediti: 9

Numero moduli: 2

Date di esame

Programma

INTRODUZIONE
1. Teorie del valore e della distribuzione: le diverse impostazioni teoriche. I legami con la teoria della produzione. Cenni all’approccio di sovrappiù

I. LA TEORIA MARGINALISTA: DETERMINAZIONE
DEL VALORE NELL’EQUILIBRIO DI PURO SCAMBIO
2. Utilità marginale. Equilibrio individuale.
3. Curve individuali di domanda e di offerta (beni indipendenti e non).
4. Curve collettive di domanda e di offerta. L’equilibrio generale (studio grafico): esistenza; stabilità; unicità/molteplicità.
5. Le equazioni dell’equilibrio generale (2 beni, m individui; specializza-zione e caso generale). La legge di Walras.
6. Possibili ‘eccezioni’: sovrabbondanza e beni liberi (o non esistenza dell’equilibrio?); curva di domanda crescente e instabilità.


II. LA TEORIA MARGINALISTA: VALORE E DISTRIBUZIONE
NEL CASO DI PRODUZIONE SENZA CAPITALE
7. Utilità marginale e curve di offerta dei fattori. Sostituibilità indiretta e curve di domanda dei fattori.
8. Distribuzione del reddito e prezzo dei beni (curve di offerta dei beni). Le equazioni dell’equilibrio generale nel caso di produzione con coefficienti fissi. La legge di Walras.
9. Il problema dell’esistenza dell’equilibrio sotto l’ipotesi di coefficienti fissi. L’ipotesi di coefficienti variabili: la produttività marginale.
10. Il problema dell’esaustione del prodotto.
11. La teoria marginalista e la nozione di sostituibilità (plausibilità della nozione e suo ruolo all’interno della teoria). La determinazione simultanea di prezzi e quantità.


III. LA TEORIA MARGINALISTA: VALORE E DISTRIBUZIONE
NEL CASO DI PRODUZIONE CON CAPITALE
12. Produzione con capitale: il problema della variabilità dei coefficienti; la condizione di uniformità del saggio di profitto.
13. La trattazione del capitale come un complesso di grandezze e l’assenza di un saggio di profitto uniforme.
14. La trattazione del capitale come una grandezza singola: il capitale come una somma di valore. Problemi dal lato dell’offerta. Problemi dal lato della domanda.


IV. LA DETERMINAZIONE DEL LIVELLO GENERALE DELLA PRODUZIONE NELLE DUE IMPOSTAZIONI TEORICHE
15. Implicazioni della teoria marginalista del valore e della distribuzione per la teoria del livello generale dell’output. L’economia monetaria e la specificità del mercato risparmi-investimenti. La domanda di investimenti e la domanda di capitale.
16. Implicazioni della teoria classica del sovrappiù per la teoria dell’output. La controversia Ricardo-Malthus


V. LA TEORIA GENERALE DI KEYNES.
17. Il principio della domanda effettiva
18. Il moltiplicatore. Implicazioni di politica economica
19. La teoria degli investimenti
20. La preferenza per la liquidità. Il ruolo della moneta. Implicazioni di politica economica
21. Il metodo di analisi della Teoria Generale
22. Effetti di una variazione del salario monetario sul reddito e sull’occupazione
23. L’analisi della relazione moneta-prezzi. Il mercato del lavoro.
24. Natura composita della Teoria Generale. L’ “instabile compromesso” tra il principio della domanda effettiva e la teoria marginalista del valore e della distribuzione. Il ruolo dell’efficienza marginale del capitale e della produttività marginale del lavoro. Compatibilità della teoria keynesiana dell’output con lo schema analitico classico.

 

VI. LA SINTESI NEOCLASSICA E IL DEPOTENZIAMENTO
DELLA RIVOLUZIONE KEYNESIANA

25. Traduzione della Teoria generale in un sistema di equazioni simultanee: Hicks e Modigliani (IS-LM). Il sistema di Modigliani
26. La preferenza per la liquidità e la funzione di domanda di investimenti nell’analisi di Modigliani. Costruzione della IS e della LM
27. Il ruolo dell’ipotesi di salario monetario dato e della preferenza per la liquidità nella spiegazione degli equilibri di sottoccupazione
28. Il “caso keynesiano”: il ribaltamento delle conclusioni della Teoria Generale.

[ ultimo aggiornamento 8/11/2015 ]

Testi

Le dispense e i testi che costituiscono materiale di studio saranno distribuiti o indicati dai docenti all'inizio del corso 

Vai alla versione stampabile del corso

oppure crea PDF

Materiale del corso

(cliccare con il tasto destro del mouse e selezionare "Salva oggetto...")

I materiali non cliccabili sono riservati ai soli utenti accreditati.
Per ulteriori informazioni clicca qui.

© Scuola di Economia, Via Silvio D'Amico 77, 00145 Rome, Italy