Prof. Giulio Girardi
Università degli Studi Roma Tre

Vai al sito ufficiale dell'Università Roma Tre

Home page >>

Cerca nel sito


Valid XHTML 1.0! Valid CSS!



Varie

Aneddoti e ricordi




Giulio doveva partire, per uno dei suoi innumerevoli viaggi, ed è stato accompagnato al treno da Bruno e Gerardo. Si era in anticipo e il treno era, praticamente, al buio. Tuttavia c'era già gente sopra, in vari scompartimenti, che, nel frattempo, passavamo in rassegna. Uno, oscuro, attirò l'attenzione di Giulio, che, entrando, disse: "Meno male che sono da solo!". Allora, immediatamente, si sentì un rumore e una signorina, preso il suo bagaglio, uscì di fretta per cambiare scompartimento!




Giulio era un assiduo utente dei treni e, una volta, ci andò da solo: in anticipo, come sempre. Si accomodò sul treno, solo nello scompartimento, accese le luci e cominciò a leggere. Dopo un bel po', nessuno era salito: Giulio guardò l'orologio; il treno sarebbe già dovuto partire; si alzò e si rese conto che era del tutto vuoto: disilluso scese e andò alle "Informazioni". Era salito su un treno scartato su un binario morto.




Un'altra volta Giulio andò da solo al treno: doveva andare a Firenze. Salì sul treno, abbastanza affollato, si cercò un posto: lo trovò e vi si accomodò. Poco dopo il treno parte, Giulio controlla l'orologio e, rivolgendosi ai vicini, dice: "Scusate, ma come mai si parte prima?" - "Ma, no! E' in perfetto orario", ribattè uno. Giulio, sorpreso, interrogò: "Scusate, ma dove va questo treno?" - "A Napoli!" Esclamò, senza esitazioni il vicino.





Torna su

Ultimo aggiornamento: 12 / 05 / 14 - 15:13:17

Home page  |  Stampa  |  Credits  |  Roma Tre